X
This Website uses third party analytical cookies to offer services in line with the preferences you reveal while using the Website. If you want to learn more, or want to opt-out of cookies, click here (Cookie Policy). If you continue to browse or select any links or options on the Website, you will be deemed as consenting to the use of these cookies.

Stile geometrico-volumetrico

Stile geometrico-volumetrico
Lo troviamo in diverse zone della Sardegna e per primo Prof. Lilliu lo identificò su alcuni bronzetti provenienti da Abini-Teti da Uta.
E’ caratterizzato da figure allungate, rigide, austere. La disposizione delle figurine e’ frontale e si nota un forte interesse per simmetria. L’aspetto delle statuette e’ quasi laminare. In alcune vi e’ una concessione alla plasticità e al volume evidente nella testa che può avere una forma a cilindro, sfera e prisma irregolare.
Il volto e’ spesso definito dallo schema a T,con un grande naso e le sopra ciglia unite. In altre vi e’ una certa cura nell’aspetto ornamentale e decorativo, senza però che si rinunci all’aspetto tipicamente austero di questo stile.
La decorazione e’ geometrica, caratterizzata dal  rametto schematico, la spina di pesce, le spirali e i cerchi concentrici. Da notare la cura nella realizzazione dei capelli lunghi o raccolti in trecce, che scendono dai lati del viso sull’addome, rappresentate sia piatte sia dotate di una certa plasticità. I soggetti rappresentati sembrano riflettere lo spirito della tradizione ed e’ presunta l’influenza della scultura in legno.
I tratti fisionomici ci fanno notare una certa evoluzione che notiamo soprattutto nella realizzazione degli occhi. Tre bronzetti rinvenuti a S’Arrideli-Terralba-Oristano e a Uta-Cagliari hanno lunghe cavità orbitali vuote. In queste sicuramente dovevano trovarsi degli occhi in pasta vitrea, uso diffuso in medio-oriente, ma anche in Grecia ed in Etruria.
Lo stile geometrico-volumetrico lo notiamo anche nella rappresentazione di animali nei quali si nota o l’accentuazione della testa o quella del corpo e anche nelle navicelle.

Influenza Orientale
Lo stile geometrico  che troviamo soprattutto nella rappresentazione del volto si avvicina molto all’arte del Luristan (Iran) sviluppatasi dal secondo millennio all’ottavo secolo. Troviamo inoltre richiami all’arte dell’Urartu (Armenia) ravvisabili nella rappresentazione umana araldica che cavalca un animale e in taluni copricapi.



Modify Search

Destination:
From:
calendar
To:
calendar
Accommodation in:
Meals:
Rooms:
1st room:
Adults Children
Contact us
BOOK NOW!!
+39 070 671 861
Mon - Fri 9 am - 6 pm