Agriturismo in Sardegna… un’oasi.

Chi decide di soggiornare in agriturismo cerca sopratutto una vacanza diversa, più personale, all’insegna della vera bellezza e genuinità, caratteristiche cruciali di tanti agriturismi in Sardegna e da scoprire in ogni loro sfumatura.

Agriturismo in Sardegna... un'oasi

L’ambientazione della Sardegna è infatti l’ideale per le strutture immerse nella natura, qui la vegetazione mediterranea risplende rigogliosa in ogni angolo, incontaminata è la sua parola chiave. Il verde dei pini, dei cipressi, i ginepri è di infinite sfumature ma poi viene interrotto dal vivido arancione dei corbezzoli o dal giallo vitale della ginestra. Se siamo particolarmente fortunati, magari riusciamo ad intravedere un cinghiale o ad ammirare l’eleganza di un cervo. Tutto ciò è una gioia per gli occhi e per i sensi.
Dei colori e odori del mare in Sardegna è stato detto tanto e tutto, sono in realtà difficili da descrivere, posso solo suggerire di ammirarlo con i propri occhi e di “assaporare” le sensazioni che regala.

Torniamo a gioie più terrene, quelle della tavola. Questa splendida isola offre una vasta gamma di prodotti e sapori. Dagli squisiti spaghetti alla bottarga, ai “culurgiones” (ravioli di patate o formaggio..) le “seadas” (pasta fritta farcita di formaggio e condita con il  miele), i tanti pecorini, il maialetto arrosto, il mirto
Potete ben immaginare che gli agriturismi in Sardegna eccellono nelle specialità culinarie sarde.

Agriturismo in Sardegna... un'oasi

LE ORIGINI

Saranno 15 anni che il concetto di agriturismo è ormai familiare e apprezzato in tutta Italia, ma anche i turisti hanno subito saputo cogliere la particolarità e il fascino di questo tipo di struttura ricettiva, sopratutto in questi ultimi anni in cui è stata molto rivalutata l’importanza della natura e dell’alimentazione in particolar modo.

Ma che cos’è esattamente un agriturismo? In origine, l’agriturismo affiancava l’attività agricola, quindi era gestito da un imprenditore agricolo che decideva di offrire ai suoi clienti la possibilità di dormire e mangiare nella sua fattoria/struttura. Il cibo servito dall’agriturismo era quasi sempre prodotto nel terreno circostante, quindi l’intero contesto era quello della natura e della campagna ed era sinonimo di prodotti alimentari genuini, semplici e colmi di sapore. I proprietari più dinamici spesso organizzavano anche attività ed escursioni.

In poche parole, l’agriturismo era una organizzazione agricola basata sulla coltivazione o sull’allevamento del bestiame che come attività secondaria offriva vitto e alloggio ad un prezzo economico. Eravamo ben felici di appartarci in zone spesso lontane dalla città e di condurre una vita basata sull’apprezzamento della campagna e dei valori tradizionali della vita contadina.

IL PRESENTE

Oggi le cose sono un po’ cambiate; l’agriturismo – pur mantenendo le caratteristiche principali basate soprattutto sulla qualità dei prodotti alimentari e ambientazioni “appartate” – oggi giorno è spesso l’attività principale e tutto ciò che riguarda i servizi e le attività si è molto evoluto. D’altra parte anche noi abbiamo esigenze sempre più raffinate, alla ricerca di servizi e alloggi addirittura lussuosi in contesti comunque incontaminati. Oggi non è sorprendente trovare agriturismi ambientati in ville meravigliose che hanno piscine idromassaggio e trattamenti di bellezza di ogni genere. Per non parlare delle infinite tipologie di attività con possibilità di corsi di cucina, sommelier, ceramica. Insomma, il mondo dell’agriturismo è diventato infinito e ce n’è per tutti i gusti, ma non dobbiamo dimenticare che il loro successo nasce nella loro particolarità di rendere questa meravigliosa terra ancora più speciale. Viva la Sardegna quindi, e un grazie ai nostri agriturismi che la sanno apprezzare e valorizzare.

Comments