A Berchidda per il Festival Time in Jazz 2012

A Berchidda si suona il time in jazzBerchidda è un paese tranquillo e silente adagiato ai piedi del Monte Limbara ma durante l’estate, grazie al Festival Time in Jazz, che quest’anno taglia il traguardo dei 25 anni, si anima di suoni e colori, e tutto diventa musica perfino il tintinnare gioioso delle posate delle massaie che, sul sagrato di deliziose chiese campestri, preparano la zuppa berchiddese, uno dei piatti più noti della tradizione culinaria gallurese, a base di pane, formaggio e brodo di pecora.

Dal 9 al 16 agosto il frinire delle cicale lascerà il posto al ritmo della kermesse scandito dall’alternarsi di ospiti nostrani e internazionali che s’incontreranno a formare nuove ensamble sonore dai risultati sorprendenti. Quest’anno il padrone di casa Paolo Fresu accoglierà, tra gli altri, il pianista armeno Tigran Hamasyan, la violoncellista tedesca Anja Lechner, il chitarrista americano Bill Frisell, il pianista cubano Omar Sosa. Numerosi gli eventi che fanno da contorno arricchendo la manifestazione tra i laboratori di danza di Ornella D’Agostino, il reading teatrale di Alessandro Haber (Curraggia, 13 agosto), mostre fotografiche, e le gare poetiche della tradizione sarda dove l’improvvisazione si giocherà sul tema del fuoco, il filo conduttore di questa edizione (Chiesa di S.Caterina, 15 agosto).

a Berchidda si suona il time in jazz

Si viene a Berchidda attratti dalla musica che avvolge con i fili di un pentagramma magico ma si rimane conquistati anche dai numerosi paesi del territorio che il Time in Jazz coinvolge, come San Pantaleo, con i suoi scorci panoramici che ospiterà lo spettacolo multimediale del gastrofilosofo Donpasta (10 agosto); Pattada, famosa per i coltelli a serramanico, in cui si esibirà la Funky Jazz Orchestra (11 agosto); Budoni con le sue spiagge dorate, in cui suonerà il pianista polacco Marcin Wasilewski (12 agosto); e ancora Tula con il suo parco Eolico che diventa palco per Antonello Salis e il suo pianoforte (14 agosto), solo per citarne alcuni.

Festival Time in Jazz, un abbraccio in musica che lascia addosso il profumo dell’ospitalità sarda.

 

Fonte immagini: Daniela Deidda

Comments