Cosa visitare a Cagliari in 2 giorni

Visitare Cagliari in 2 giorniSe avete la fortuna di poter visitare Cagliari ma avete il tempo limitato, questo articolo è quello che  fa per voi! Proveremo a elencare le migliori cose da vedere a Cagliari in soli 2 giorni. La città non è grandissima e la si può visitare comodamente anche a piedi ed eventualmente con i mezzi di trasporto (metropolitana e autobus) per raggiungere le spiagge più belle di Cagliari e provincia. Buona lettura!

 

 

GIORNO 1
La Cagliari storica, le vie dello shopping e la movida notturna.

Il Bastione di Cagliari

Prima tappa: Partendo da piazza Costituzione, iniziamo il nostro tour dal quartiere simbolo della città: il cosidetto “Castello”. Visitiamo dapprima  il Bastione Saint Remy, monumento di fortificazione relativamente recente (venne costruito alla fine del XIX secolo sui ruderi delle vecchie mura). Una lunga rampa di scale ci porta fino alla grande terrazza soprastante: da qui possiamo ammirare un panorama mozzafiato dal quale si apprezza gran parte della città, la famosa Sella del Diavolo (promontorio che sorge a sud e divide la spiaggia simbolo dei cagliaritani, il Poetto, da quella più piccola ma non meno bella di Calamosca), il porto internazionale e i quartieri più centrali.

Una buona colazione tra i vari bar e locali della zona è d’obbligo (Caffè De Candia).

Lasciata la terrazza si prosegue per la vicina via Università fino a incontrare la famosa Torre dell’Elefante (costruita nel 1307 durante la dominazione pisana) visitabile dal martedì alla domenica ad un prezzo intorno ai 4 euro; il panorama da quassù è veramente splendido per cui il nostro consiglio è di armarsi di macchina digitale e fotografare tutto!

Proseguendo per la via Santa Croce si incontra il Ghetto degli ebrei, così detto perché ospitò nel medioevo la comunità ebraica, oggi sede di iniziative culturali, mostre e convegni. Da qui in poi è possibile girovagare tra le piccole viuzze del quartiere tra botteghe e piccoli atelier artistici.

Cittadella dei MuseiNella medesima zona, una tappa obbligata è il Museo archeologico nazionale (aperto tutti i giorni tranne il lunedì), situato all’interno del complesso museale della Cittadella dei musei nella piazza Arsenale (vi sono esposti gran parte dei materiali provenienti dagli scavi effettuati in tutta l’isola a partire dal periodo prenuragico fino all’epoca bizantina e i famosi Giganti di Mont’e Prama). I costi per la visita al museo e alla mostra delle statue di Mont’e Prama è di 7 euro per il biglietto intero (3,50 euro per i biglietti ridotti).  E’ possibile acquistare biglietti comulativi per visitare museo e pinacoteca al prezzo di 9 euro intero e 4,50 euro ridotto (dai 18 ai 25 anni); l’ingresso è gratuito per i minori di 18 anni. Alziamo gli occhi al cielo e apprezziamo la vicina Torre di San Pancrazio, anch’essa di origine pisana (biglietto intero 3,00 euro, ridotto 2,00 euro). Altre informazioni sui musei a Cagliari le trovate qui.

A questo punto ci fermiamo per mangiare qualcosa nella vicina area di Buoncammino tra i tavoli dei tanti bar della zona.

Bevuto un buon caffè, possiamo visitare l’Anfiteatro romano che si trova poco più sotto (si tratta di un edificio costruito tra il I e il II secolo d.C., quando la Sardegna si trovava sotto la dominazione romana). D’estate è sede di importanti concerti e manifestazioni teatrali.

Shopping a CagliariSeconda tappa: Dopo un sacrosanto riposino in uno dei tanti hotel a Cagliari che avremmo probabilmente prenotato, scendiamo nuovamente nella piazza Costituzione per iniziare il tour dello shopping (la gran parte di negozi e boutique fa orario continuato). Via Garibaldi da una parte e via Manno dall’altra offrono soluzioni per tutte le tasche, grandi marche e outlet per chi vuole risparmiare negli acquisti.

A questo punto possiamo optare per due itinerari:
Percorso 1: percorriamo la via Manno e scendiamo fino a piazza Yenne, dove è consigliabile far sosta in una delle tante gelaterie artigianali e non per poi riprendere la visita ai negozi della zona: il Largo Carlo Felice che si presenta di fronte a noi ne è ricco. Scendendo il Largo Carlo Felice si arriva alla più famosa via Roma, tanti negozi, bar, caffetterie e negozi di souvenir per portare qualche ricordo ai nostri amici e parenti.

Percorso 2: percorriamo la via Garibaldi, ricca di negozi  e scendiamo in via Alghero (negozi di grandi marche) fino ad arrivare alla stazione della metropolitana leggera, sita nella piazza Repubblica,  che collega la città ai paesi e alle frazioni vicine. Per i più atletici il tour prosegue attraverso la lunghissima via Dante, costellata di vetrine, paninoteche, pizzerie e altre attività di ogni tipo.

Non ce ne siamo accorti ma il tempo è passato e siamo affamatissimi!

Dove mangiare cucina tipica a CagliariE’ l’ora della cena e la cucina sarda ci aspetta! I ristorantini tipici si trovano concentrati proprio nell’area intorno alla via Roma. Il nostro consiglio è di partire dalla via Sardegna (quartiere “Marina”) e perdersi tra i tanti locali che la zona ci offre: menù a buffet, specialità e cucina internazionale per chi invece ha altri gusti! Il nostro consiglio è quello di provare i famosi gnocchetti alla campidanese (fatti di semola e aromatizzati con zafferano, conditi con sugo di pomodoro, pecorino sardo grattugiato e salsiccia a pezzi), la fregola (palline di pasta fatte a mano e tostate al forno) e il famoso porchetto sardo (Trattoria Gennargentu, Ci pensa Cannas, Su Cumbidu).

Per i più giovani, una volta consumata la cena si può fare tappa presso i tantissimi locali notturni della zona, irish pub, ludoteche ma soprattutto spazi all’aperto in cui gustare un buon mojito o un altro cocktail prima di concludere la giornata in qualche discoteca della città o nelle vicine località di Pula o Villasimius.

 

GIORNO 2
Le spiagge e il litorale.

Se siamo ancora stanchi per le camminate del giorno prima, il consiglio è quello di prendersela comoda e svegliarsi anche a metà mattinata. A Cagliari il sole splende tutto il giorno e il mare è sempre pronto ad accoglierci!

La spiaggia del Poetto a CagliariLa spiaggia dei cagliaritani è il Poetto, ospita alcuni “chioschi” presso cui ristorarsi o gustare una buona birra fresca. D’estate è sede di importanti rassegne musicali e luogo di divertimento grazie alle discoteche del litorale, ai locali che si affacciano sul mare e ai vari ristorantini che dal porticciolo turistico di Marina Piccola  in poi arrivano fino al litorale di Quartu Sant’Elena. Se la temperatura lo permette, un bel tuffo è d’obbligo; l’acqua cristallina, la spiaggia bianca e finissima potrebbero farci perdere la cognizione del tempo e trattenerci per ore sotto il sole. Una buona protezione solare è altamente consigliata, specie nei mesi più caldi!

 

Cocktail e aperitivo a Cagliari

Dopo una bella doccia fresca, possiamo consumare un buon aperitivo nell’area intorno al litorale (Emerson Cafè, Caffè Puccini), nella vicina piazza dei Centomila, ai piedi della maestosa Basilica di Bonaria, o optare per i tanti baretti che affollano la zona intorno al porto (Via Roma).

A questo punto il nostro viaggio è finito e probabilmente resterà l’amaro in bocca per aver visto solo una parte delle tante bellezze di cui è costellata la città di Cagliari. Siamo certi però che, una volta stati a Cagliari, non potrete fare a meno di tornarci e visitare tutte le altre attrazioni che il capoluogo può offrire! A presto!

Fonti delle immagini:
http://bit.ly/YbdFpo, http://bit.ly/VM35D2, http://bit.ly/WKopEB, http://bit.ly/10BklPi, http://bit.ly/V9wUPj

Comments