Santu Lussurgiu Produce: tradizione e autenticità in Sardegna

Santu Lussurgiu produce_locandina artigianatoSe vi piace riscoprire le antiche tradizioni della Sardegna, assaporare prodotti tipici e ammirare i maestri delle antiche arti e mestieri all’opera, non potete perdervi “Santu Lussurgiu Produce”.

L’artigianato, l’agro-alimentare, l’enogastronomico, la ristorazione e l’ospitalità sono gli ingredienti della ricetta autentica del territorio lussurgese, situato in provincia di Oristano a 503 metri sul livello del mare ai piedi del versante orientale del Montiferru. Il progetto “Santu Lussurgiu produce” abbraccia, infatti, tutti i settori di produzione e le attività del paese che sono ancora vivi grazie alla conservazione della tradizione, alla creatività e al saper fare. Sos mastros, i maestri artigiani, sono fortemente radicati nel territorio e consolidati ormai da generazioni e ognuno è specializzato nella lavorazione di una materia prima: i sos mastros de ferru ripropongono e antiche tecniche di forgiatura del ferro battuto per ringhiere e balconi e delle lame per i famosi coltelli sardi detti “sa resolzas”, sos maestros de linna lavorano e intarsiano il legno, i sarti, chiamati sos mastros de pannu, cuciono esclusivi abiti sardi in velluto e orbace, mentre gli artigiani della pelle e del cuoio portano avanti nelle sellerie l’arte antica della realizzazione delle selle e dei finimenti, e nelle calzolerie delle calzature su misura, degli stivali da equitazione e calzari per gli abiti tradizionali.

Santu Lussurgiu produce_Su casizolu vino IGT  e coltelli

La qualità e il gusto della tradizione eno-gastronomica sono garantiti dai verdi pascoli del Montiferru, e il turismo è in crescita grazie alla valorizzazione del centro storico e del paesaggio naturale che lo circonda, ricco di acqua e piante autoctone, e alla particolare attenzione alle tradizioni popolari.

La tavola di Santu Lussurgiu è imbandita con una vasta gamma di formaggi prelibati lavorati a mano e prodotti dal latte della vacca del Bue Rosso, come sa trizza, dalla forma a treccia, e su casizolu, pasta filata dalla forma a pera, tutti presidi Slow Food, l’associazione internazionale che tutela le produzioni locali. La cucina tipica è arricchita dai dolci come sos coluzzones de mendula, di pasta di mandorle, e sas tilicas, sfoglie di pasta di sapa. Dopo i formaggi e i dolci non si possono dimenticare i vini IGT dal sapore intenso e dal colore rubino, e il suo distillato risalente al ‘700, l’acquavite s’abbardente.

Santu Lussurgiu Produce_Chiesa di San Leonardo e Fonti Siete FuentesSe volete soggiornare a Santu Lussurgiu, sappiate che qua l’ospitalità è di casa, tra b&b, agriturismi e alberghi diffusi dislocati tra il centro abitato e la natura, avrete l’imbarazzo della scelta. Meglio alloggiare tra i viottoli ciottolati tipici del centro storico o tra i lecci e le roverelle delle montagne irrorate dalle sorgenti Siete Fuentes? In ogni caso, vi regalerete un soggiorno fra tradizione e tranquillità.

Fonte immagini: http://bit.ly/VEitNu; http://bit.ly/SdyUPX

Comments