La Sardegna dei nuraghi: Su Nuraxi, Barumini

Nuraghe di Barumini, SardegnaIl nuraghe di Barumini, Su Nuraxi, è uno dei più importanti di tutta la Sardegna ed è stato riconosciuto Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, fin dal 1997. Il sito archeologico si trova a poca distanza dalla cittadina di Barumini, 1.413 abitanti, nell’area del Medio Campidano.

L’attenzione nei confronti di questo complesso nuragico è dovuta al fatto che il nuraghe di Su Nuraxi è tra i più imponenti e i meglio conservati della Sardegna. Le strutture più antiche risalgono al XV secolo a.C. Dato il posizionamento strategico e la solidità delle costruzioni, il nuraghe di Barumini è stato successivamente utilizzato come fortezza dai Fenici (tra l’VIII e il VII sec. a.C.) dai Cartaginesi (tra il V e il IV sec. a.C.), per poi essere abbandonato nel III sec. a.C. con l’arrivo dei Romani.

 

In realtà, più che di nuraghe, si dovrebbe parlare di una vera e propria fortezza nuragica, costituita da una mastio centrale e da un bastione quadrilobato. Le mura difensive più esterne sono successive di 300 anni. Le pendici della collina sulla quale sorgono i resti della fortezza, sono costellate di strutture nuragiche più modeste; una cinquantina di nuraghi di varie dimensioni destinati ad alloggiare addetti alla lavorazione dei campi.

Il nuraghe di Su Nuraxi, a Barumini, può essere visitato ogni giorno dalle h 9 fino a un’ora prima del tramonto.

Per alloggiare a Barumini, l’ospitalità della Sardegna vi propone un albergo che vi farà entrare già nell’atmosfera del nuraghe: l’Hotel Su Nuraxi.

Fonte immagine: www.flickr.com/photos/mc5/

Comments

One Comment