Domus de janas: storia e nelle leggende della Sardegna

Le domus de janas sono la testimonianza dell’antichità della civiltà sarda e dell’esuberanza di una cultura che vive, da sempre, a stretto contatto con il territorio.

L’immaginario popolare ha lavorato per secoli attorno alle strutture di roccia scavata disseminate su tutto il territorio della Sardegna, ricavandone leggende che continuano ad affascinare.  La miriade di foriche costellano l’entroterra sardo, accessi misteriosi al mondo ipogeo, sono stati popolati di creature soprannaturali: le janas. A seconda delle versioni della leggenda, le janas diventano delicate fatine o sgraziate streghe che escono dai loro nascondigli, le domus de janas, le case delle fate appunto, solo durante la notte.

Oltre il fascino di un racconto antico, c’è l’archeologia che racconta tutta un’altra storia. Anzi: tutta un’altra preistoria.  Le domus de janas, infatti, sono state identificate quali splendidi esempi di sepoltura sotterranea della civiltà prenuragica. Si fanno risalire alla cultura di Ozieri e a quella di Beaker e si pensa siano state costruite tra il 3.400 e il 2.700 a.C. Le pareti di queste grotte artificiali sono spesso decorate con rilievi di simboli magici e dipinte di rosso ocra.

(altro…)

Novembre: olio nuovo e dove gustarlo

La produzione dell’olio d’oliva in Sardegna ha origini antiche, il clima particolarmente favorevole unito alle caratteristiche della terra fanno si che la coltivazione dell’olivo sia estesa a tutto il territorio isolano. La produzione più rinomata la troviamo ad Alghero, Dolianova, Gonnosfanadiga, Oliena e Seneghe. Gli oli extravergini sardi hanno colore dorato, con riflessi verdognoli.

Dal gusto e profumo fruttati, appena dolci ma equilibratamente piccanti e amari, sono insostituibili nell’alimentazione. (altro…)

Alghero – Stintino in bici

Cosa ci può essere di più esaltante di una pedalata nella riviera del Corallo per un amante della natura e dello sport? Pochi luoghi permettono di visitare in una giornata di bicicletta monumenti naturali come Capo Caccia, la Baia di Porto Conte e la Pelosa, restando comunque a breve distanza dall'aeroporto di Alghero - Fertilia e dal porto di Porto Torres. (altro…)