Sardegna fuoristrada: tra natura e archeologia

Se siete stanchi della solita Sardegna, riscopritela in fuoristrada: la zona di Palau, ad esempio, è ricca di itinerari da percorrere in 4x4 che vi permetteranno di vedere l’aspetto più nascosto e affascinante di quest’isola: quello naturalistico. Fauna allo stato brado, panorami mozzafiato ma non solo. Durante le soste nei paesini dell’entroterra potrete riscoprire specialità culinarie e tradizioni locali. (altro…)

La Costa Smeralda e le spiagge della Sardegna

Conosciuta in tutto il Mondo la Costa Smeralda è considerata una delle aree di maggior attrazione turistica della Sardegna. Il luogo prende il nome dalle sfumature di verde e turchese delle acque che bagnano le spiagge della Sardegna composte da finissima sabbia bianca. La Costa Smeralda è un connubio perfetto tra movida e natura, perché di giorno offre paesaggi unici da poter visitare o dove rilassarsi immergendosi nelle acque cristalline e di sera i numerosi locali del litorale sanno offrire il massimo divertimento per ogni tipologia di turista. (altro…)

Festa della tradizione sarda: San Giorgio Martire

La tradizione sarda è ricca di feste e sagre che coprono i momenti fondamentali del calendario religioso e della vita agreste. Spesso, queste due dimensioni si sono unite indissolubilmente dando vita a una tradizione folkloristica forte e radicata. È il caso della sagra di San Giorgio Martire di Perfugas, evento campestre dalle lontane origini. La tradizione della sagra viene rinnovata ogni anno, nella seconda metà di aprile.

La popolazione si riunisce attorno all’affascinante chiesa dedicata a San Giorgio, patrono di Barcellona e testimonianza della dominazione spagnola della Sardegna. Il caratteristico colore rosso le è donato dalla vulcanite rossa di cui sono fatti i mattoni della struttura, originaria del ‘400 e in stile gotico dell’area catalana. In attesa dei momenti clou della sagra di San Giorgio Martire, gli amanti dell’archeologia apprezzeranno, nei pressi della chiesa, l’omonimo nuraghe.

(altro…)

Gli scavi di Olbia e i reperti ritrovati

Nella città di Olbia, grazie ai continui scavi degli archeologi è stato possibile con il passare degli anni riportare alla luce molti reperti e stabilire con certezza che in quello stesso luogo in passato sorgeva l’antica necropoli romana. Con il passare del tempo sono state riportate alla luce, anelli, navi, terme che hanno arricchito il patrimonio archeologico della città. Negli ultimi giorni nel cantiere di scavi di Olbia, sono stati ritrovati resti di grandissima importanza storica come i tesori di San Simplicio, un pozzo ritenuto sacro, e tombe risalenti all’età imperiale. (altro…)

Spiagge in Sardegna: i luoghi della Costa Paradiso

La Costa Paradiso, nata intorno agli anni ’60, è divenuta oggi uno dei luoghi turistici più conosciuti della zona Nord della Sardegna. Le rinomate spiagge si estendono da punta Cruzitta fino al monte Tinnari, offrendo scenari unici e mozzafiato. Una delle spiagge della Sardegna più rinomate in Costa Paradiso è Rena Bianca sita nella zona Santa Teresa di Gallura, la spiaggia sempre molto affollata, prende il nome della finissima sabbia bianca che forma un lembo di terra riparato dai forti venti di maestrale che sono soliti soffiare in questa zona. (altro…)

I carri di Tempio per il Carnevale in Sardegna

Il Carnevale non è solo quello di Venezia e Viareggio. Lo sanno bene i sardi e gli altri quarantamila spettatori che ogni anno partecipano al Carrasciali Timpiéscu: il Carnevale di Tempio Pausania, con i suoi carri allegorici che sfilano sotto l’occhio augurale del Re Giorgio. Questo mitico Re è una tra le più affascinanti, antiche e misteriose figure del folklore della Sardegna. È stato identificato quale simbolo del ciclo di fertilità della terra, con una storia che si ripete ogni anno durante le tre giornate clou del Carnevale: Giovedì Grasso, domenica e Martedì Grasso. (altro…)

Caprera: in Sardegna, a casa di Garibaldi

A Caprera, nella Sardegna dell’arcipelago della Maddalena, c’è una casa bianca con vista sul mare. È stata l’ultima dimora di Giuseppe Garibaldi, costruita nel 1856 su quella parte dell’isola che egli volle acquistare. Al suo interno si possono ancora trovare i mobili e gli oggetti della memoria e del quotidiano del generale. Garibaldi visse qui dopo la morte di Anita, per 26 anni, fino al fatidico 2 giugno 1882. La casa di Caprera è ora una casa-museo che racchiude molti dei cimeli appartenuti al generale, nonché alcuni pregiatissimi dipinti che lo vedono ritratto. Un orologio d’epoca, appeso allo stipite di una porta, segna ancora l’ora della sua morte. (altro…)

Le ricette sarde della Gallura

Le ricette della Sardegna del nord sono un capolavoro di fantasia. Varie e diversificate, nascono dalla tradizione contadina tipica delle zone più interne, i cui prodotti principali sono olio e grano. Nella zona della Gallura in particolare gli ingredienti più diffusi sono lo zucchero e il miele, utilizzati sia nei dolci che nelle pietanze salate. Tipici sono i piedi di maiale disossati e lo zucchero con i quali si fa la gelatina, o i ravioli di Puligioni farciti di formaggio e zucchero alla cannella e conditi con il sugo. Le focacce di pane fatte con siccioli di maiale, uva passa e zucchero. (altro…)