Tuerredda, tra le spiagge della Sardegna

La spiaggia di Tuerredda, a pochi chilometri dal centro di Teulada, si trova in una stupenda insenatura tra Capo Malfatano e Capo Spartivento ed è riconosciuta come una delle dieci più belle spiagge della Sardegna. Il perché è naturale: sabbia bianca come farina e acque dai colori cosi intensi che donano al luogo un’atmosfera esotica.

(altro…)

Sardegna: nordic walking nell’Iglesiente

Gli appassionati di nordic walking in Sardegna hanno a disposizione un luogo che può vantare dei sentieri totalmente immersi nella natura: stiamo parlando dell’Iglesiente, lungo la costa occidentale di quest’isola del Mediterraneo. E i percorsi migliori per il nordic walking in questa zone della Sardegna sono sei, tutti diversi da loro e con difficoltà variabile.

I sentieri più semplici per il nordic walking nell’Iglesiente sono due: il primo di essi parte dal bivio Pranu Dentis e arriva al bivio miniera San Luigi, attraverso luoghi importanti sia dal punto di vista naturalistico sia da quello dell’archeologia industriale; il secondo, che va dal ponte sul Rio Gutturu Cardaxius a Genna Arenas, passa attraverso canyon, vicino miniere e nei pressi di antichi borghi rurali.

(altro…)

I cavallini dell’altopiano della Giara di Gesturi

I cavallini della giara di Gesturi sono un’antichissima razza di equini divenuti famosi per le loro ridotte dimensioni. Eleganti e proporzionati, con una folta criniera, non hanno nulla da invidiare ai cavalli normali. L’origine di questi animali, che ancora oggi vivono allo stato brado sull’altopiano della Giara, è avvolta nel mistero. Le tesi più accreditate  confermano che non sono una razza autoctona dell’isola, ma che sono stati portati dai fenici o dai naviganti greci. (altro…)

Le vacanze di Pasqua all’isola di Sant’Antioco

L’isola di Sant’Antioco è uno dei luoghi più incantevoli e incontaminati della Sardegna. Su una superficie di 108 kmq e due comuni, l’isola si presenta come un baluardo contro il sovraffollamento, come una ricchezza naturale da preservare e godere. Angoli costieri incontaminati, poche case sparse nella campagna, strade percorribili solo a piedi e angoli di mare protetti fanno della vacanza di Pasqua a sant’Antioco un’esperienza unica. Oltre a questo, i tre giorni di ponte offrono la possibilità di organizzare degli itinerari interni per conoscere il territorio e apprezzarne il paesaggio. L’isola gode di siti di interesse comunitario (i Sic) molto caratteristici, come Is pruinis e gli Stagni delle saline, che costituiscono un vero e proprio ecosistema litorale capace di attirare uccelli migratori come l’airone e il fenicottero rosa. (altro…)

Itinerari della Sardegna: le miniere del Sulcis

La Sardegna è una terra molto ricca che offre tante possibilità a coloro che la visitano.Paesaggi marini da sogno, cibi prelibati, locali notturni, movida, jet-set, negozi esclusivi.  La varietà di ambienti che si possono apprezzare e scegliere è enorme e per questo è bello scoprire ed esplorare questa terra magnifica. Tra gli itinerari da percorre  c’è sicuramente quello più insolito delle miniere del Sulcis nella zona sud occidentale della Sardegna. (altro…)

Pasqua in Sardegna: la Settimana santa di Iglesias

A Iglesias, in Sardegna, la Settimana santa segue un rito antichissimo, risalente al XVI secolo: infatti la l’Arciconfraternita del Santo Monte cura gran parte delle celebrazioni fin dalla metà del 1500, anno in cui fu fondata. E nella Settimana santa di Iglesias, il momento più importante e caratteristico è il Venerdì santo, il giorno della Processione del Descenso.

La Processione del Descenso si svolge di notte e si snoda lungo le strade i Iglesias. E il rito impone che tale processione abbia un ordine ben preciso: in testa ci sono i  Matracconis che annunciano il corteo, seguiti dal tamburo e dalla Croce dell’Arciconfraternita, dai Babbalottis (ragazzini di massimo tredici anni vestiti con gli abiti tipici di questa ricorrenza), l’Associazione del Santissimo Sacramento e la banda musicale G. Verdi.

(altro…)

Il parco della Sardegna in miniatura

Fare un giro nel parco tematico della Sardegna in miniatura vuol dire fare un giro dell’isola in una sola giornata. Il parco, nato nel 1999, racchiude dentro di sé gli aspetti geologici, storici e culturali più rilevanti della Sardegna, come i monumenti più famosi dell’isola riprodotti in scala. 50mila mq di estensione con un percorso che si dirama tra villaggi, musei e planetario. Il villaggio nuragico, per esempio, è una ricostruzione a grandezza naturale delle abitazioni sorte in Sardegna 3000 anni fa. In quest’area è possibile vedere come veniva lavorato il bronzo e l’argilla e capire come la popolazione era organizzata politicamente. Viene rappresentata con molta coerenza la vita che veniva condotta nell’età del ferro. (altro…)

Chia Classic 2012 in Sardegna: la costa sulcitana

Ritorna quest’anno il Chia Classic 2012 in Sardegna, la prima manifestazione professionistica in Italia per i “waterman”.  Quest’anno la  gara e i suoi organizzatori occuperanno la bella costa sulcitana per ospitare i campioni delle più spettacolari discipline acquatiche: il surf, il kitesurf, il windsurf e lo stand up paddling (UP). Ad aggiungersi orgogliosa a questi sport ci sarà anche la mountain bike. La manifestazione raduna intorno a sé tutti gli appassionati di queste ormai famose discipline, i grandi campioni professionisti e i neofiti in cerca di emozioni. Le categorie che potranno partecipare alle gare si dividono in: kids-Pippius sotto i 12 anni, gli Juniores-Piccioccus fino ai 18 anni, gli Open tra i 18 e i 35 anni, i Masters-Antigus tra i 35 e 50 anni e infine i Grand Masters-Beccius sopra i 50 anni. (altro…)

Acquafredda: i castelli della Sardegna

Svetta sullo sperone di roccia di un’altura di origine vulcanica, dominando la piana circostante di questo straordinario sito della Sardegna. È facile immaginare che il Castello di Acquafredda, ai tempi d’oro, fu una fortificazione di grande utilità strategica.

Si ritiene che le strutture più antiche siano da far risalire alla prima metà del 1200; la sua costruzione si attribuisce a Ugolino Della Gherardesca, il nobile pisano la cui sorte fu resa tristemente celebre da Dante nella Divina Commedia. All’epoca, la funzione del castello era quella di difendere le notevoli ricchezze minerarie della zona.

(altro…)